Associazione Volontari Protezione Civile Gruppo A2A

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Associazione Volontari Protezione Civile Gruppo A2A

Alternanza scuola-lavoro a Strasburgo per il Bertacchi

E-mail Stampa PDF

La classe 4B dell’indirizzo professionale per i servizi socio-sanitari dell’istituto Bertacchi di Lecco, dal 19 al 23 novembre, ha vissuto un’esperienza di Alternanza scuola-lavoro a Strasburgo.


In collaborazione con l’Associazione di volontari della Protezione Civile del gruppo A2A, con cui è in atto la realizzazione di un progetto triennale iniziato lo scorso anno scolastico, gli alunni hanno potuto conoscere ed approfondire vari temi, come la gestione dell’emergenza da parte della Protezione Civile Internazionale, le problematiche legate alla prevenzione nei luoghi pubblici e il controllo delle malattie infettive.


Durante questa esperienza i ragazzi hanno inoltre potuto svolgere una visita guidata al Consiglio d’Europa e compiere un percorso emotivamente coinvolgente all’interno del solo campo di concentramento nazista istituito nel territorio francese a Natzweiler- Struthof.


 

Il Centro di Formazione dell’Associazione Volontari di Protezione Civile del Gruppo A2A di Lovero: un intenso anno di lavoro con numeri di eccellenza nazionale.

E-mail Stampa PDF

Lovero, 10 agosto 2018 - Si conclude in questi giorni l’attività dei campi estivi di Protezione Civile promossi e curati dai Volontari del Gruppo A2A presso il Centro di Lovero con il sostegno anche di numerosi Volontari del territorio.

Il Centro, ricordiamo, è stato inaugurato lo scorso anno il 18 luglio cogliendo l’occasione della ricorrenza del trentennale dell’alluvione in Valtellina e, fu un momento magico per i Volontari perchè tra le molteplici Autorità presenti, vi fu la partecipazione anche il Dr.  Angelo Borrelli, che poco dopo, divenne il Capo del Dipartimento di Protezione Civile Nazionale.

Da allora e per tutto il 2017, i volontari si sono prodigati ed attivati per organizzare attività di formazione promuovendo l’attività anche nelle Scuole della Provincia di Sondrio e ben 300 ragazzi ne furono coinvolti. Congiuntamente si avviarono le pianificazioni per il 2018 che, con soddisfazione, in questi mesi hanno portato importanti frutti:

  • Nel periodo primaverile si sono tenuti corsi della durata di due o tre giorni di alternanza scuola-lavoro per gli studenti del Liceo Classico / Linguistico Manzoni di Lecco e per l’Istituto Bertacchi sempre di Lecco (circa 60 studenti).
  • Nel mese di maggio, sono stati accolti alcuni bambini della scuola primaria di Lierna e dei “ragazzi” del centro diversamente abili di Livigno (35 scolari e 15 diversamente abili)
  • Sempre a maggio si è tenuto un incontro di formazione per i volontari di Protezione civile del C.C.V. di Milano (40 partecipanti).
  • Dal 25 al 30 giugno è stato aperto un campo scuola per i figli dei dipendenti A2A attraverso il proprio Circolo Ricreativo (C.R.A.E.M), attività che ha coinvolto 18 ragazzi.

Ma il fiore all’occhiello del nostro lavoro sono stati i quattro campi scuola “Anch’io sono la Protezione Civile” promossi e finanziati dal Dipartimento Della Protezione Civile:


  • dal 2 al 7 luglio 23 ragazzi della scuola secondaria di primo grado dell’Istituto Comprensivo di Bellano;
  • dal 9 al 14 luglio 24 ragazzi provenienti da Dervio e da Vestreno;
  • dal 30 luglio al 6 agosto 32 ragazzi provenienti da Esino Lario, Dervio, Lierna e da Morbegno;
  • dal 6 all’11 agosto 34 ragazzi provenienti da Sondalo e da Dervio.

Il programma, svolto grazie anche alla collaborazione di molteplici squadre di volontari del nostro territorio, ha sviluppato diverse attività teoriche e pratiche legate ai vari compiti della protezione civile, un metodo ideale per promuovere ed istruire forme di ‘’Cittadinanza Attiva’’ arricchendo i giovani di senso di responsabilità e rispetto per il prossimo e per il mondo che li circonda.

Grande soddisfazione sui risultati è stata espressa del Presidente di AVPC del Gruppo A2A, Luigi Bossi che, durante una sua visita al Centro, nel compiacersi per l’attività svolta con propri volontari presenti al campo ha voluto ringraziare la fondamentale collaborazione di tutti i gruppi del Territorio: Volontari Antincendio Boschivo, i Volontari di Protezione Civile di Grosotto, i Volontari VVFF di Grosio e Grosotto, i Volontari della Croce Rossa Italiana di Sondrio, il Gruppo Cinofili Carabinieri Forestali, il Gruppo Cinofili del Soccorso Alpino e la Protezione Civile  Gruppo ANA di Bellano. Ha voluto inoltre lanciare messaggi di collaborazione territoriale indicando che, in autunno, saranno promossi al Centro di Lovero Corsi per aspiranti Volontari organizzati sempre da AVPC.



 

Dai il 5x1000 della dichiarazione dei redditi per sostenere i progetti della nostra Associazione.

E-mail Stampa PDF

Dai il 5x1000 della dichiarazione dei redditi per sostenere i progetti della nostra Associazione.


Basta la tua firma e l'indicazione del codice fiscale di AVPC A2A: 97259430151

 

 

 

I volontari a Strasburgo con ‘’L’alternanza scuola lavoro’’

E-mail Stampa PDF

I volontari di AVPC hanno accompagnato gli studenti della 3E del Liceo Classico e Linguistico Manzoni di Lecco a Strasburgo a conoscere, quella che lo stesso preside Prof. Giovanni Rossi ha definito, la “vecchia” e “nuova” Europa. Armati di gazebo, tavoli, panche e del buonumore che li contraddistingue, gli uomini e le donne di Luigi Bossi, capitatati da Paolo Patelli, hanno guidato i ragazzi del linguistico in un tour che prevedeva diverse tappe: Lucerna, Colmar, Strasburgo e Friburgo. I 3 giorni sono stati un’occasione preziosa per conoscere da vicino la Protezione Civile, capire l’organizzazione e le finalità. Fra una tappa e l’altra i volontari hanno svolto delle lezioni, distribuito nozioni, e fatto conoscere a fondo la Protezione Civile:


  • con la lezione di Paolo Volantini, gli studenti del Manzoni hanno imparato ad individuare i punti di raccolta, capire la segnaletica e come si gestisce un’emergenza;
  • con quella di Luca Zambelloni e Valentino Lucchini hanno visto da vicino come avvengono le comunicazioni radio e, all’interno del campeggio, hanno effettuato una prova pratica;
  • con la lezione di Vittoria Beltracchi hanno riflettuto sull’importanza dell’educazione alla salute, e sui comportamenti utili per prevenire infezioni e malattie;
  • il maestro Paolo invece,  ha ininterrottamente svolto lezioni, spiegando concetti e raccontando episodi di vita vissuta dai volontari durante le emergenze;
  • con i questionari on line, seguiti da Christian Gosatti, gli studenti hanno testato il proprio grado di conoscenza del mondo della protezione civile prima e dopo l’esperienza a Strasburgo. 


Sono stati due i momenti che hanno contraddistinto il viaggio: la visita al Consiglio d’Europa (nuova Europa) e quella al campo di concentramento Natzweiler-Struthof (vecchia Europa).

Al Consiglio Europeo, la classe ha messo alla prova le proprie competenze linguistiche, interagendo con la guida, traducendo e spiegando i compiti dell’Organizzazione di difesa dei diritti umani, dello Stato di diritto e della democrazia. E, proprio nel pomeriggio di quella giornata intensa, i ragazzi hanno capito l’importanza e il valore dell’istituzione del Consiglio d’Europa, visitando e conoscendo la drammaticità del campo di concentramento.

Assente ma solo fisicamente il nostro Presidente Bossi, che ha voluto seguirci a distanza supervisionando il nostro viaggio e, regalandoci sempre il suo carismatico affetto.

REDAZIONE: Anna Coco




 

Roma non fu visitata in un giorno… ma tre per cogliere er mejo della città.

E-mail Stampa PDF

Venerdì 23, alle prima luci del mattino i volontari di AVPC si sono ritrovati nella sede milanese di via Lampedusa per avviarsi alla mitica gita nella Capitale. Il tour è iniziato al Dipartimento, dove Giovanni Cammarone e Massimo La Pietra hanno ripercorso le tappe importanti della Protezione Civile, dato un po’ di numeri “allarmanti” sui rischi del territorio italiano, illustrato il nuovo decreto legislativo, ricordato responsabilità e compiti dei volontari. Gli interventi sono stati utili per fare chiarezza sulle modalità e i tempi di intervento in caso di emergenza. Dopo la parte teorica è stata la volta della parte pratica: giro fra le sale operative con la dottoressa Claudia Zuccari, che ha fatto da Cicerone. La sala comitato operativo è stata la meta che ha riscosso maggior successo. Tutti i volontari, almeno per un attimo hanno sognato di prendere parte al tavolo di lavoro…e perché no, di sedersi sulla sedia del Presidente.

Abituati ad affrontare emergenze, a lavorare sotto le intemperie, gli uomini e le donne di Luigi Bossi non si sono intimoriti di fronte alle quasi 8 ore di viaggio ed alla giornata di visita, in serata è ’’venuto fuori’’ il carattere di quello che si può definire lo zoccolo duro della compagnia: mentre la maggioranza puntava ad andare a letto, una manciata di volontari si organizzava per una partita a carte!!

L’indomani, la gita è proseguita con la visita al Quirinale: fra le sale sontuose con lampadari sfarzosi, Corazzieri in uniforme e in ‘’borghese’’, i volontari hanno potuto ammirare da vicino la Costituzione. Un Paolo Patelli in veste di guida d’eccezione, ha accompagnato il gruppo per le strade di Roma, raccontando aneddoti, storie e anche qualche barzelletta. Anche se ufficialmente non erano presenti in programma, non sono mancati gli imprevisti…dal furto di portafoglio, allo smarrimento di qualche volontario (e anche di qualche biglietto), passando per quello che si appresta a diventare l’aneddoto romano: il mitico Franco che sbaglia il giorno della partenza. Il mini tour capitolino è finito domenica 25 con la partecipazione all’Angelus in Piazza San Pietro.

Alla fine di un lauto pranzo, i gestori del ristorante che hanno ospitato i volontari nel soggiorno romano, hanno chiuso le portate con una torta dove trionfava la scritta “Buon Viaggio”. Ed è in quel momento che gli occhi dei bresciani, dei milanesi, si sono uniti a quelli dei valtellinesi e hanno cominciato carichi d’emozione a vedere la stessa cosa…’’il piacere di stare insieme ed aiutarsi’’ che da 40 anni a questa parte spinge tutti ad alzarsi presto, per lavorare sodo anche nelle intemperie, ad aiutare chi è in difficoltà! Sempre con il sorriso sulle labbra, non lamentandosi e con l’arte d’ arrangiarsi con quanto si ha a disposizione: la voglia di essere ed appartenere al Gruppo.

Una storia che si ripete e che il nostro amato Presidente che ben ci conosce aveva già preannunciato durante la Festa degli auguri di Natale.


 


Pagina 1 di 19
Condividi su Facebook

Links