Associazione Volontari Protezione Civile Gruppo A2A

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Associazione Volontari Protezione Civile Gruppo A2A

Roma non fu visitata in un giorno… ma tre per cogliere er mejo della città.

E-mail Stampa PDF

Venerdì 23, alle prima luci del mattino i volontari di AVPC si sono ritrovati nella sede milanese di via Lampedusa per avviarsi alla mitica gita nella Capitale. Il tour è iniziato al Dipartimento, dove Giovanni Cammarone e Massimo La Pietra hanno ripercorso le tappe importanti della Protezione Civile, dato un po’ di numeri “allarmanti” sui rischi del territorio italiano, illustrato il nuovo decreto legislativo, ricordato responsabilità e compiti dei volontari. Gli interventi sono stati utili per fare chiarezza sulle modalità e i tempi di intervento in caso di emergenza. Dopo la parte teorica è stata la volta della parte pratica: giro fra le sale operative con la dottoressa Claudia Zuccari, che ha fatto da Cicerone. La sala comitato operativo è stata la meta che ha riscosso maggior successo. Tutti i volontari, almeno per un attimo hanno sognato di prendere parte al tavolo di lavoro…e perché no, di sedersi sulla sedia del Presidente.

Abituati ad affrontare emergenze, a lavorare sotto le intemperie, gli uomini e le donne di Luigi Bossi non si sono intimoriti di fronte alle quasi 8 ore di viaggio ed alla giornata di visita, in serata è ’’venuto fuori’’ il carattere di quello che si può definire lo zoccolo duro della compagnia: mentre la maggioranza puntava ad andare a letto, una manciata di volontari si organizzava per una partita a carte!!

L’indomani, la gita è proseguita con la visita al Quirinale: fra le sale sontuose con lampadari sfarzosi, Corazzieri in uniforme e in ‘’borghese’’, i volontari hanno potuto ammirare da vicino la Costituzione. Un Paolo Patelli in veste di guida d’eccezione, ha accompagnato il gruppo per le strade di Roma, raccontando aneddoti, storie e anche qualche barzelletta. Anche se ufficialmente non erano presenti in programma, non sono mancati gli imprevisti…dal furto di portafoglio, allo smarrimento di qualche volontario (e anche di qualche biglietto), passando per quello che si appresta a diventare l’aneddoto romano: il mitico Franco che sbaglia il giorno della partenza. Il mini tour capitolino è finito domenica 25 con la partecipazione all’Angelus in Piazza San Pietro.

Alla fine di un lauto pranzo, i gestori del ristorante che hanno ospitato i volontari nel soggiorno romano, hanno chiuso le portate con una torta dove trionfava la scritta “Buon Viaggio”. Ed è in quel momento che gli occhi dei bresciani, dei milanesi, si sono uniti a quelli dei valtellinesi e hanno cominciato carichi d’emozione a vedere la stessa cosa…’’il piacere di stare insieme ed aiutarsi’’ che da 40 anni a questa parte spinge tutti ad alzarsi presto, per lavorare sodo anche nelle intemperie, ad aiutare chi è in difficoltà! Sempre con il sorriso sulle labbra, non lamentandosi e con l’arte d’ arrangiarsi con quanto si ha a disposizione: la voglia di essere ed appartenere al Gruppo.

Una storia che si ripete e che il nostro amato Presidente che ben ci conosce aveva già preannunciato durante la Festa degli auguri di Natale.


 

INTERVENTO: Ripristino Tratta ferroviaria Cremona - Porta Garibaldi

E-mail Stampa PDF

Deragliato treno Trenord partito da Cremona e diretto a Porta Garibaldi.
Protezione civile a2a garantisce la continuata in sicurezza dei lavori sulla tratta ferroviaria anche nelle ore notturne con il supporto tecnico di una apposita squadra di volontari e due torri faro




 

Valtellina 18 luglio 1987 - 18 luglio 2017

E-mail Stampa PDF

Valtellina 18 luglio 1987 - 18 luglio 2017

Commemorazione del trentennale dell’Alluvione e inaugurazione del Centro di Formazione dell’Associazione Volontari di Protezione Civile Gruppo A2A.

Lovero (SO) 18 Luglio 2017 -  Sono passati esattamente trent'anni quando, il 18 luglio del 1987, l'alta Lombardia fu colpita da una catastrofica alluvione.  Da quella notte in Valtellina cominciarono le frane che terminarono solo dieci giorni dopo, il 28 luglio, con quella più grave che in Val Pola cancellò un intero paese, Sant'Antonio Morignone e alcune sue frazioni. 

In prima linea su questa emergenza vi fu anche l’Azienda, allora AEM, che in Valtellina aveva come ha tutt’ora A2A  importanti impianti idroelettrici. 

Il tragico momento, ricordato questa mattina con  una cerimonia ufficiale al Memoriale di Aquilone, frazione di Valdisotto, dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella. Presenti alla commemorazione oltre a tutti i Sindaci del territorio, anche il Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni, il presidente del Consiglio regionale Raffaele Cattaneo e il sottosegretario Benedetto Della Vedova. 

Anche l’Associazione Volontari di Protezione Civile ed A2A hanno presenziato alla cerimonia con  il Presidente Luigi Bossi e l’Amministratore Delegato  Luca Valerio Camerano. Per le attività svolte a sostegno della popolazione e del territorio, Il Prefetto di Sondrio Giuseppe Mario Scalia, ha consegnato loro un Attestato di Benemerenza.

Come previsto dal programma della giornata, le celebrazioni sono continuate a Lovero dove si è svolta l’inaugurazione del Centro di Formazione di Protezione Civile, Sede dell’Associazione dei Volontari del Gruppo A2A in Valtellina.

“Nel 2015 A2A, concede in comodato d’uso all’Associazione, una splendida palazzina precedentemente utilizzata come Sede di Reparti Operativi. Da allora, il Presidente Luigi Bossi  si propose, per aumentare il coinvolgimento dei già numerosi volontari e, per incentivare la formazione e l’addestramento dei Gruppi di volontariato , di realizzarvi un Centro di Formazione. Iniziarono così i lavori di ristrutturazione per portare a buon fine questo progetto.’’

Oltre all’Amministratore delegato di A2A, Camerano, all’inaugurazione sono intervenute molte autorità, civili, Militari ed Ecclesiastiche, tra le quali: il Sindaco di Lovero Anna Maria Saligari, il Prefetto di Sondrio, Giuseppe Mario Scalia, il Sottosegretario alle Politiche della Montagna Regione Lombardia, On. Ugo Parolo, Il Presidente della Provincia di Sondrio Luca Della Bitta, il Sen. Benedetto della Vedova, il Vice Capo Dipartimento della Protezione Civile Nazionale Angelo Borrelli. Tutte le rappresentanze Istituzionali, hanno commentato positivamente l’impegno profuso dall’Associazione Volontari del Gruppo A2A.

Dopo il taglio del nastro, in attesa di poter gustare i piatti locali preparati dai ‘’Cuochi dell’Associazione’’, si è effettuata la visita della struttura, permettendo a tutti gli ospiti di poter apprezzare il Centro e la mostra fotografica sugli eventi calamitosi del 1987 ivi posizionata.

Sabato 22 Luglio p.v., il Centro di Formazione rimarrà aperto al pubblico, un Open Day di presentazione che permetterà ai visitatori di conoscere questa realtà, poter condividere esperienze e la storia quarantennale dell’Associazione.  



Clicca sulla foto per vedere l'album fotografico


 

 

CAMPO SCUOLA: Anch’io sono la Protezione Civile

E-mail Stampa PDF

Il 24 giugno si è concluso il campo scuola "ANCH'IO SONO LA PROTEZIONE CIVILE", attività promossa dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile che ha trovato la piena collaborazione dell’Associazione Volontari di Protezione Civile del Gruppo A2A ed ha coinvolto una ventina di studenti delle scuole secondarie di primo grado dell'Istituto Comprensivo Statale di Bellano.

Una settimana intensa che ha visto i ragazzi impegnati  tra lezioni, giochi, gite fuoriporta e vita da ‘’campo’’, una collaborazione sinergica e sincera volta principalmente alla coesione ed al lavoro di squadra.

Non appena arrivati, aiutati dai volontari di AVPC, i ragazzi si sono cimentati con il montaggio e la predisposizione di loro dormitori: tre tende e le relative brandine, utilizzate poi per i pernottamenti durante il campo.

Seguendo poi la pianificazione delle attività, i ragazzi hanno poi conseguito in aula le importanti nozioni di come si effettua il coordinamento nel gestire l'emergenza, come si interviene e cosa si fa per prepararsi in caso di pericolo.

Le visite alle dighe di A2A presenti in Valgrosina e successivamente il sopralluogo nell’area interessata della frana della Val Pola del 1987, hanno sensibilizzato i giovani partecipanti sul lavoro svolto dai volontari e sull'importanza della prevenzione e dell’analisi dei rischi che, è un’azione fondamentale per prevenire ma anche per sapere come affrontare le situazioni in caso di calamità.

I ragazzi hanno poi avuto l’opportunità di simulare una situazione di crisi,  creare un piano di emergenza e, con il supporto del presidente dei volontari Luigi Bossi, hanno individuato le zone "rosse" quelle maggiormente a rischio, hanno capito l'importanza del posizionamento delle strutture, delle vie di fuga e di come organizzarsi con anticipo per poter svolgere al meglio le operazioni di soccorso.

Durante la settimana i giovani hanno potuto confrontarsi anche con altri esperti incontrando diverse sezioni di volontari: i Vigili del Fuoco, il Soccorso Alpino e gli esperti dell'antincendio boschivo partecipando anche a una lezione di primo soccorso. Inoltre hanno potuto assistere alle dimostrazioni delle Unità Cinofile volontarie, imparare come si comunica via radio, conoscere l’attività di lavoro antincendio effettuata dagli aerei Canadair. I volontari hanno dato la possibilità ai ragazzi di divertirsi (soprattutto con gli idranti!) e prendere consapevolezza del lavoro di costante ed intensa preparazione svolta in preparazione alle emergenze.

Non sono mancati i momenti di riflessione: una delle lezioni infatti era sul tema cyber bullismo e sui rischi del web. Infine, a conclusione dell'intensa settimana, i piccoli volontari hanno ricevuto un attestato... e forse, sono già quasi pronti per aiutare e proteggere i civili!  Grande soddisfazione sui risultati e sul comportamento dei ragazzi è stata espressa da tutti i volontari coinvolti, che avevano già avuto riscontri positivi nel campo svoltosi  precedentemente sul Lago di Como a Bellano.



Clicca sulla foto per vedere l'album fotografico


 

 

Treviso: grazie a tutti i volontari AVPC A2A

E-mail Stampa PDF

Anche quest'anno sono stati felicemente portati a termine i lavori di allestimento dei campi per l'annuale Adunata ANA, che si è svolta a Treviso nei giorni dal 12 al 14 maggio u.s.

I nostri volontari hanno iniziato a lavorare in loco il 26 aprile e nonostante le condizioni atmosferiche non sempre favorevoli sono riusciti a completare l'allestimento di impianti elettrici ed idraulici per i campi che hanno poi ospitato ben 18.000 Alpini.

I lavori di smontaggio sono iniziati il giorno successivo alla fine dell'Adunata e si sono conclusi il 18 maggio.

E' desiderio del nostro presidente, Luigi Bossi, ringraziare di tutto cuore per la grande disponibilità tutti i volontari, ed in particolar Filippo, Giovanni e Gianluigi che hanno scelto di rimanere sul posto per tutta la durata dei lavori.

 


Pagina 2 di 19
Condividi su Facebook

Links