Associazione Volontari Protezione Civile Gruppo A2A

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Cipro? Siamo pronti

E-mail Stampa PDF

 

 

 

Lunedì 11 luglio, all’alba, nella base della Marina Evangelos Florakis, sulla costa sud della Repubblica di Cipro, si è verificata una terribile esplosione, le cause della quale sono ancora al vaglio degli organi competenti. L’incidente è avvenuto in un deposito dove erano immagazzinati un centinaio di container pieni di armi e munizioni, lì depositati dopo essere stati sequestrati ad una nave che li trasportava dalla Siria all’Iran.

L’immane esplosione, avvertita a chilometri di distanza, ha coinvolto gli impianti della vicina centrale termoelettrica di Vassilikos, dove si è propagato un incendio. Questa centrale, la maggiore dell’isola, fornisce circa il 60% del totale del fabbisogno elettrico ed il suo danneggiamento ha causato un black-out che perdura tutt’ora.

Il governo cipriota si è rivolto, chiedendo aiuto, alla Comunità Europea, la quale ha allertato gli Stati Membri.

Il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile ci ha allertato il 13 luglio nel tardo pomeriggio, chiedendoci se eravamo in grado di recarci sul posto con generatori elettrici di grande potenza e tecnici per provvedere agli allacciamenti alla rete cipriota.

Già da ieri sono quindi pronti a partire i volontari Luigi Bossi, Paolo Volantini, Roberto Airoldi, Luigi Kaltembacher e Mauro Carrara.

 

In magazzino sono già pronti alla partenza anche l’autocarro Scania con gru e rimorchio, che trasporterà due generatori elettrici da 250 e 650 kVA oltre ai cavi ed altro materiale utile per gli allacciamenti, ed un furgone Mercedes attrezzato ad officina elettrica con tutte le attrezzature di lavoro.

Sono stati inoltre messi a disposizione del Dipartimento Nazionale, da parte del Gruppo A2A che abbiamo interessato alla richiesta, due tecnici esperti nella costruzione e conduzione di centrali termoelettriche e nelle problematiche di sicurezza del lavoro nelle stesse; si tratta di Roberto Lemma e Nicolino Petrucci di Abruzzo Energia.

La partenza, programmata per domani, sabato 16 luglio, dal porto di Genova, è stata oggi temporaneamente sospesa dall’Unione Europea al fine di consentire un coordinamento con le Protezioni Civili degli altri Stati Membri.

 

 
Condividi su Facebook

Links